25 novembre: Contro la violenza sulle donne passeggiata al Pigneto

svaw06square-295x300Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, proclamata in seguito alla tortura e all’uccisione nel 1960 delle sorelle Mirabal da parte del regime di Trujillo, nella Repubblica Dominicana, donne impegnate nella lotta di liberazione del loro paese.

Proprio a Roma nel 1976 nasce la prima passeggiata contro la violenza, 20.000 donne invadono le strade al grido di Riprendiamoci la notte, a pochi mesi dal processo per il massacro del Circeo.

Questo bisogno ancora oggi è terribilmente attuale ed è per questo che il 25 novembre vogliamo invitarvi a riprenderci insieme le vie del Pigneto.

La violenza maschile è la prima causa di morte delle donne in Italia come nel resto del mondo, non ha classe né passaporto e nella maggior parte dei casi nasce tra le mura domestiche.

Non intendiamo solo ricordare e celebrare una data, scendiamo in strada per ribadire che la nostra libertà di vivere la città non è data dalle misure di controllo, dalle telecamere, dalla militarizzazione, dalla detenzione né dall’emarginazione, ma dalla nostra autodeterminazione dentro e fuori casa e dalla solidarietà e sorellanza tra donne, dalla potenza delle nostre rivendicazioni e dalla complicità e unione delle nostre lotte.

Abbiamo scelto il Pigneto perché è un quartiere in cui molte di noi escono, vivono e lavorano, sempre più spesso percorriamo le sue strade con gli occhi bassi, di fretta, e se possiamo non da sole.

Vogliamo rispondere alla violenza e alle paure riprendendoci le strade e invitando tutte a non rimanere indifferenti, a stare attente le une alle altre, a non legittimare omertà, atteggiamenti e atti sessisti, omofobi, lesbofobici, transfobici e razzisti.

Una passeggiata di rivendicazioni collettive, rumorosa, sonora. Illuminiamo le strade, facciamole risuonare di musica, risate, colori, desideri.

Ci vediamo il 25 Novembre alle 18.30 davanti alla scuola Pisacane (via dell’Acqua Bullicante, 30) per arrivare fino all’isola pedonale del Pigneto.

Dentro e fuori le case, contrastiamo la violenza tutte insieme!

Nuovo orario di Tuba

tuba_aperitivoCiao amiche e amici

dal 1 novembre Tuba cambierà orario, anticipando l’apertura e la chiusura infrasettimanale. Apriremo alle 16.30 per dedicarci un po’ di più a tisane, tè, pasticcini e torte. Durante la settimana visto il periodo invernale chiuderemo alle 24.30. Il weekend all2.
Il Lunedi Tuba sarà chiusa.

10395199_10203089110924300_8341942140555303403_nInoltre stiamo sistemando il nostro giardinetto per renderlo chiuso e riscaldato.

 

 

Vi aspettiamo a via del Pigneto 39a per passare insieme questo inverno bizzarro tra libri, bar, caffetteria e giocattoli divertenti.

Tuba: creativity out of a crisis

Tuba-4Italy’s economic meltdown in 2009 triggered a small exodus of the country’s young. Barbara Leda is one of those that stayed. She’s a co-founder of a female collective called Tuba that’s at the heart 
of Pigneto, Rome’s growing creative hub.

It’s not immediately obvious why ceramic dildos are sitting proudly next to the literary works of celebrated female writers. Barbara Leda, one of the five owners of Libreria Tuba, insists it makes perfect sense. Continua a leggere

"L'erotico, dunque, come asserzione della forza vitale delle donne" Audre Lorde