28 novembre: Zombie, Alieni e Mutanti. Le paure dall’11 settembre ad oggi.

By admin • Presentazioni libri • 19 Nov 2017

Martedì 28 Novembre, ore 19:00
@
Tuba
Presentazione di Zombie, Alieni e Mutanti. Le paure dall’11 settembre ad oggi.

Dialogheranno con l’autrice Gaia Giuliani
Gianni Ruocco (Sapienza), Giacomo Manzoli (Unibo), Federica Giardini (Roma Tre), Leonardo de Franceschi (Roma Tre)

Quanto ci raccontano fantascienza e produzione horror dei nostri sogni, delle nostre ansie e delle nostre paure? Cosa ci dicono della società attuale? Questo libro indaga le paure nella contemporaneità post-11 settembre e le loro rappresentazioni in alcune produzioni cinematografiche e televisive occidentali. Un’analisi multidisciplinare che unisce storia, filosofia politica e postumana, studi culturali, teoria postcoloniale e studi di genere, intrecciando analisi del discorso e semiotica. In quella che è un’oscillazione continua tra reale e fantastico, questo lavoro ricostruisce la memoria del futuro, ossia la memoria di ciò che nel passato più recente abbiamo immaginato avvenisse nel futuro, testimoniando un riemergere violento della figura del mostruoso, che accompagna l’Occidente e il suo incontro con l’Altro/a sin dall’alba della Modernità. Zombi, alieni e mutanti divengono allora allegorie del nostro presente e ci aiutano ad indagare gli orizzonti in cui vengono ripensate oggi la comunità umana, i legami affettivi, i valori alla base della convivenza.

L’autrice
Gaia Giuliani è ricercatrice presso il CES (Centro de Estudos Sociais, Università di Coimbra) e fondatrice del Gruppo di Ricerca Interdisciplinare su Razza e Razzismi (InteRGRace) presso l’Università di Padova. Ha conseguito il dottorato all’Università di Torino, proseguendo la propria carriera a Bologna, a Sydney e in Gran Bretagna. Il suo campo di ricerca si muove tra Storia, Filosofia politica, Studi critici su razza e bianchezza, Studi postcoloniali, Studi culturali e di genere. Ha pubblicato una serie di monografie e saggi sul razzismo nel colonialismo britannico – in India, Australia e Pacifico – e nell’Italia liberale, fascista e repubblicana. Recentemente si è dedicata all’intreccio tra immaginario distopico, memoria coloniale, razzismo e cittadinanza, pubblicando una serie di saggi su riviste internazionali. In questa stessa collana ha pubblicato, con Cristina Lombardi-Diop, Bianco e nero. Storia dell’identità razziale degli italiani, che ha ottenuto il 1° premio nella categoria XX-XXI secolo dell’American Association for Italian Studies.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *